Prima domenica di Quaresima

Prima domenica di Quaresima – n. 25 – domenica 11 marzo 2019

Per rimettere in cammino la vita
Nel deserto, con Gesù
di don Carlo Faccendini

Entriamo in Quaresima! E’ un periodo di 40 giorni, analogo a quello che Gesù ha trascorso nel deserto prima della sua predicazione. Il deserto è per Gesù il luogo della tentazione e della prova ed egli resiste alle seduzioni del diavolo che lo vorrebbe potente, eclatante, dominatore; Messia certo, ma senza croce e senza fedeltà al Padre!

Il deserto è per Gesù anche il luogo della intimità con il Padre, la condizione del silenzio,  della sobrietà e della preghiera necessarie per rinnovare obbedienza e disponibilità. Nel deserto, proprio come il popolo di Israele, anche Gesù ritrova se stesso , il senso della sua vita e della sua missione!

Ci disponiamo a vivere la nostra Quaresima proprio come Gesù ha vissuto la sua esperienza di deserto! Vorremmo innanzitutto regalarci qualche momento di maggiore intimità con il Signore: nel silenzio, nel raccoglimento,  attraverso qualche buona lettura capace di sostenere riflessione e preghiera…

Vorremmo provare anche a garantirci uno stile di vita più essenziale e più sobrio, raccolto attorno a quanto riteniamo davvero importante…, anche attraverso qualche forma di rinuncia e di sacrificio.  Non dobbiamo affatto dimostrare a nessuno, e tanto meno a noi stessi, che siamo bravi! Semplicemente vorremmo poter dire al Signore che lui conta più di tutto, che lui è il vero tesoro della nostra vita e che merita quindi di essere cercato e custodito prima e più di ogni altro bene.

Ecco! Vorremmo provare a vivere anche noi il nostro deserto!   Per ritrovare noi stessi, per ricomporre meglio la nostra vita dispersa e frammentata, per tentare di rimettere un po’ di ordine e riprendere la direzione giusta del cammino.. .

Immagino che, se da un lato sentiamo di averne tutti un enorme bisogno, dall’altro non ci riteniamo più capaci di scelte così impegnative e coraggiose ; ci lasciamo scivolare tutto sopra, disperdendo autentiche occasioni di conversione e di rinnovamento.

Vi chiedo di iniziare la Quaresima con una rinnovata fiducia nel Signore e nella forza della sua grazia, di assumervi un impegno preciso, uno solo, per il vostro cammino spirituale, di provare a contenere un poco  tutto quello che rappresenta per la vostra vita un eccesso di confusione e di distrazione…

Chi si consegna al Signore con fiducia e con responsabilità sa che poi lui diventa capace di fare miracoli; anzi di fare “il” miracolo, quello più vero e urgente,  che consiste nel rimettere in cammino la nostra vita ridandole respiro, forza, prospettiva…

Ritrovando il Signore noi certamente ritroviamo noi stessi! Diventiamo capaci di ridiventare l’uomo e la donna che abbiamo sempre sognato di essere! Torniamo ad essere vivi…veri!