Contenuti

Delpini a Sant’Ambrogio per i SS. Gervaso e Protaso

«I martiri non hanno cercato la popolarità, ma la coerenza, non hanno vissuto per meschino interesse, ma per dare gloria a Dio nella verità.
Per questo la celebrazione dei martiri ci ottiene la grazia di essere sinceri e liberi nelle parole, nelle azioni, negli affetti, senza il timore di essere smentiti, di essere smascherati»..

Parole pronunciate dell’Arcivescovo mons. Delpini ieri mattina, domenica 21 giugno, in Basilica, durante la S. Messa che celebrava la figura dei SS Gervaso e Protaso, copatroni – assieme a S. Ambrogio – della nostra diocesi. 

«Ambrogio – ha concluso mons. Delpini – ha saputo convocare un popolo in festa per onorare i martiri, ha saputo condividere la loro testimonianza di fede come una tradizione viva, che alimenta nella comunità contemporanea la fierezza e la responsabilità di una eredità da mettere a frutto. Siamo stati generati alla fede da coloro che ci hanno preceduto e hanno dato testimonianza. Siamo parte di un popolo che scrive la storia.

La celebrazione dei martiri compatroni di questa comunità e dell’intera diocesi alimenta in noi questo senso di appartenenza alla storia, di gratitudine per l’eredità preziosa del passato: questa chiesa in cui preghiamo, questa liturgia che celebriamo , questi canti che cantiamo vengono dai nostri padri, sono stati pagati a caro prezzo, sono motivo di fierezza e sono responsabilità per consegnare al futuro il patrimonio di fede, di cultura, di carità, di presenza significativa nella città e nella storia della comunità cattolica».

Per il testo integrale dell’omelia dell’Arcivescovo, cliccate QUI

Per ingrandire le immagini della photogallery, cliccate sulle relative iconcine.

 

 


……………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………..