Contenuti

Cosa sta succedendo nell’Atrio di Ansperto?

C’è gente strana che si muove in questi giorni nel quadriportico della nostra Basilica, nell’Atrio di Ansperto. C’è chi sposta sedie, chi trascina carrelli con enormi blocchi di legno levigato. Parlano un po’ in tedesco e un po’ in italiano. Nel sagrato davanti all’ingresso staziona un furgone con la scritta Sudtirol ben visibile. Poi ti accorgi che quei blocchi di legno, opportunamente spostati e allineati tra di loro prendono vita: sono statue alte oltre due metri. E allora ti accorgi anche che il puzzle, una volta completato prenderà le sembianze di un presepe: Ecco i Re Magi, ecco i pastori, ecco l’angelo che annuncia il Gloria. Ecco Giuseppe accanto a Maria che ha in grembo il Bambino dorato che brilla – in una scena che ha solo il colore biondo del legno di abete   come unica pupilla di luce  a significare la sua grandezza e centralità.

Si tratta del grande presepe della Val Gardena che, dopo essere stato benedetto dall’Arcivescovo mons. Mario Delpini al termine della Messa solenne delle 10,30 del giorno di Sant’Ambrogio, accoglierà i fedeli e i visitatori nell’atrio di Ansperto fino al 9 gennaio.

Il maestoso presepe è  opera di due famosissimi scultori della Val Gardena (ecco il perché del furgone Sudtirol): Filip Moroder Doss e Thomas Comploi, di Ortisei il primo e di S. Cristina il secondo. Riescono a modellare il legno come se fosse morbida argilla o plastilina e le loro opere ornano chiese e palazzi, i bassorilievi arredano saloni e case non solo in Italia.

Ecco cosa sta succedendo nell’atrio di Ansperto: grazie all’organizzazione dell’Associazione culturale Artè di Muggiò i milanesi e tutti i visitatori che in questo periodo passeranno per il centro, imboccando via Carducci da piazza Cadorna richiamati dai tesori della Basilica di Sant’Ambrogio, avranno in regalo anche la visione di un presepe immortale nella formula ma modernissimo nella sua realizzazione e che nasconde un segreto, quello del quarto Re Magio.

Ma questa è un’altra storia. Ve la racconteremo nei prossimi giorni