SCARICA L’APP DI SANT’AMBROGIO

CONNESSI CON SANT’AMBROGIO

Dal quarto secolo all’App

Le Applicazioni (App) che possiamo installare nei nostri telefonini, offrono servizi sorprendenti, in continuo e rapido sviluppo. Chiunque sia in possesso di uno smartphone o di un Ipad, può installare sul proprio dispositivo programmi che non hanno solo un intento superficiale o consumistico (svago, giochi on line, passatempi…) ma possono anche consentire una certa crescita culturale, come l’apprendimento o il consolidamento di una lingua straniera, l’esercitazione di una materia di studio, l’approfondimento letterario di un testo o di un ambito storico. Su quel frenetico mercato on-line che risponde al nome di “store” si trova davvero di tutto: il panorama è molto interessante e sono innumerevoli le App che offrono percorsi storico-artistici di qualità, elaborati da esperti del settore. Da qualche giorno è possibile scaricare l’App dedicata alla nostra basilica. E’ sufficiente connettersi al proprio “store” e digitare nel campo ricerca la parola “santambrogio”. Comparirà l’icona riportata in questa pagina, quindi si dovrà procedere con l’installazione. L’operazione è semplice e gratuita in questi giorni, poiché l’App per funzionare correttamente necessita di un certo periodo di sperimentazione. Dal 15 giugno p.v. sarà disponibile per l’esorbitante cifra di 0,99 centesimi di euro. Scaricare l’App “santambrogio” consente di avere sul proprio telefonino una guida alle bellezze della basilica di sant’Ambrogio, ma anche di restare in contatto con la comunità cristiana: saranno inviate notifiche (senza esagerare…) a tutti coloro che hanno scaricato l’App, per ricordare appuntamenti comunitari significativi o eventi importanti, che riguardano sant’Ambrogio. L’App “santambrogio” non vuole essere una guida tra le guide, ma proporre un itinerario artistico e spirituale, un cammino umano e di fede, supportati dalla straordinaria storia ed incredibile bellezza della nostra basilica. Tra l’altro il contenuto artistico dell’App “santambrogio” non è fisso e immutabile, come in una guida cartacea, ma viene periodicamente aggiornato, sottolineando di volta in volta vari aspetti. Il testo degli approfondimenti è disponibile in italiano e in inglese. Chissà se il nostro Patrono Ambrogio, edificando nel 386 la Basilica Martyrum, avrebbe mai immaginato di finire sullo “store”… eppure l’utilizzo che Ambrogio ha fatto dell’architettura, della scultura, della musica, della retorica, della poesia fa supporre che certamente il Patrono avrebbe percorso con interesse questo ambiente virtuale, cogliendone tutte le potenzialità e ben sapendo che, anche se un po’ nascosto, dietro al “mondo virtuale” si cela sempre l’uomo con la sua insaziabile domanda di senso e di speranza.




Basilica di Sant'Ambrogio - Piazza Sant'Ambrogio 15 - 20123 MILANO (Italia - EU)
(C) 2010-2014 Basilica di Sant'Ambrogio - All Rights Reserved